Menu
Novità:

Indici

QUANDO LA MODIFICA DELLE DOMANDE NON E’ UNA SEMPLICE EMENDATIO MA UNA INAMMISSIBILE MUTATIO

TRIBUNALE DI VENEZIA SEZIONE SPECIALIZZATA IN MATERIA DI IMPRESA
dott.ssa L. Guzzo (Pres. Rel., Est.); dott.ssa C. Campagner; dott. L. Boccuni
sent., 2.8.2018, n. 1561/2018

NEL CASO IN CUI 

  una societa' agisca in responsabilita’ nei confronti dell’amministratore di una srl da essa partecipata a maggioranza lamentando numerosi fatti di mala gestio in merito a una scorretta regolamentazione di partite dare e avere tra la srl e altra societa' amministrata sempre dal convenuto, e chieda il risarcimento del danno a suo favore, per i gravi pregiudizi subiti in proprio, anziche' alla srl partecipata; salvo poi modificare la domanda in occasione della memoria ex art. 183 n. 1 chiedendo, viceversa, che il risarcimento del danno venisse riconosciuto alla partecipata 

IL GIUDICE

  rilevato che

 - dato il tenore delle difese svolte in citazione, finalizzate a enfatizzare i danni subiti in proprio dalla socia, la modifica delle conclusioni non poteva essere ritenuta una semplice correzione di errore materiale;

  - la domanda svolta nella prima memoria con la quale parte attorea ha richiesto per la prima volta che il risarcimento dei danni fosse riconosciuto in capo alla societa’ partecipata anziche’ ad essa e’ domanda nuova perche’ ha determinato un mutamento dell’elemento soggettivo della domanda (Cass., S.U. 15.6.2015, n. 12310) che non risulta piu’ avere quale titolare della posizione sostanziale la socia di maggioranza bensi’ la srl partecipata;

 - l’esame di siffatta nuova domanda avrebbe richiesto pure l’integrazione del contraddittorio con la società litisconsorte necessaria (Cass., 26.5.2016, n. 10936) con conseguenze sui tempi processuali 

HA RITENUTO 

  di dichiarare inammissibile la domanda risarcitoria formulata dall’attore nella memoria n. 1.             

                                                                                                   (a cura di Mattia Carlotto)

Download Pdf




Ricevi altri aggiornamenti su Giurisprudenza e le altre novità del sito:

Email: (gratis Info privacy)



Inserito il 07.02.2020